Puglia: Acquaviva delle Fonti

Sull’Altopiano delle Murgie, a 300 metri sul livello del mare sorge Acquaviva delle Fonti, piccola e storica cittadina pugliese,  in provincia di Bari. Il suo nome , risalente al Medioevo, fa riferimento alla falda acquifera che scorre  nel suo sottosuolo, favorendo la presenza di numerose fonti sorgive e pozzi freatici.

Partendo dal centro storico possiamo ammirare il Palazzo De Mari, fatto costruire dal principe De Mari in epoca normanna ed incorniciato da decorazioni e mascheroni grotteschi di gusto barocco. Nel XIX sec. il palazzo fu acquistato da Sante Alberotanza, nobile di Mola di Bari,  per poi divenire l’attuale sede del Comune.

Cosa c’è di meglio che prendersi una giusta pausa ,per godersi un ottimo caffè, nel locale storico Caffè Dell’Orologio?Piccolo, elegante ,romantico. Una tazzina di caffè ,100% arabica ed un ottimo gelato artigianale, servito, magari,all’interno  di  un morbito Krafen o , durante il periodo natalizio, su una croccante cartellata.

Sempre in Piazza dei Martiri 1799 domina  la  Cattedrale dedicata a Sant’Eustachio ,una delle quattro chiese Palatine presenti in Puglia, in stile rinascimentale , con  uno splendido rosone  ed un raffinato protiro,oltre che  la Torre dell’Orologio in stile classico rinascimentale, con la parte inferiore in  un severo bugnato,in alto lo stemma della città ed infine una scritta  “ Longos sic vorat hora dies” (Così l ‘ora divora i lunghi giorni).

Henry Van Dyke

Il tempo è
troppo lento per coloro che aspettano,
troppo rapido per coloro che temono,
troppo lungo per coloro che soffrono,
troppo breve per coloro che gioiscono;
ma per coloro che amano,
il tempo non è.

 

Poco distante dalla piazza in via Sebastiano Luciani,8  la macelleria Nonno Pierino , con vendita di carni locali.

 

Uno dei simboli della città è la Cassarmonica , del 1930,in piazza Vittorio Emanuele II,tempio della musica, tutta in cemento  armato  .Realizzata per onorare il Gran Concerto Bandistico della città,premiato con numerosi successi in diverse zone d’Italia.

Famosa la contrada Curtomartino, dove trovasi una grotta carsica con tracce preistoriche tutta  percorribile per oltre 50 metri

A 6 km da Acquaviva  ,direzione Santeramo, l’Osservatorio Astronomico

In ambito gastronomico ,Acquaviva è conosciuta, soprattutto, per la famosa cipolla rossa ,con una  produzione  limitata a seguito dell’utilizzo di metodi di coltivazione tradizionali e  rudimentali , cercando di ridurre al minimo qualsiasi intervento chimico . Tonda, dolce , con un bellissimo colore viola, si presta nella preparazioni di diversi piatti della tradizione pugliese, a partire dal famoso calzone per il quale, ogni anno, o alla fine di luglio o metà ottobre,si tiene una sagra ,che accoglie tanta gente proveniente da ogni parte di Italia.

RICETTA

Cipolla agrodolce o caramellate

1 kg di cipolle rosse di Acquaviva:

100 ml di aceto di mele;

2 cucchiai di zucchero di canna;

4 cucchiai di olio e.v.o.

sale q.b.

Pulire le cipolle affettarle e porle all’interno di un tegame.Aggiungere l’olio, il sale ed un pò di acqua per farle appassire. Cuocere a fuoco lento.Quando l’acqua si sarà consumata e le cipolle risulteranno tenere ,aggiungere lo zucchero e l’aceto, alzare la fiamma e far evaporare  l’aceto. Appena le cipolle cominceranno a caramellare spegnere il fuoco e servire

Altra ricchezza del territorio è il vino primitivo ,cosi chiamato  , nel tardo 700, dal sacerdote gioiese Don Filippo Indellicati, a causa della maturazione precoce della sua uva . Questo vino dal colore penetrante e dal profumo e gusto fruttato, trova in Puglia ed in particolare ad Acquaviva, il territorio migliore dove esprimere al meglio la sua personalità e carattere.

 

Molto famosa la cantina Polvanera , di Filippo Cassano, anima dell’azienda ,che con grande amore per la sua terra, per le vigne e una forte determinazione è riuscito a far conoscere su tutto il territorio nazionale diverse versioni del vino primitivo. Il Primitivo 17 , premiato, ho un profumo particolarmente fruttato con una struttura imponente ed elegante. Straordinari anche i bianchi, in particolare il Minutolo.un vino in purezza senza aggiunta di solfiti

I

Favoloso il Cece nero , il quale viene seminato ad  ottobre per raccoglierlo in estate. E’ molto resistente e richiede poca acqua durante la fase della coltivazione. Anche con esso si possono preparare diverse pietanze dalle minestre, alle insalate o come contorno

Insalata di cece nero

500 gr ceci neri

1 mazzetto di rucola

1 cipolla rossa grande, olio evo

sale

pepe

10 pomodorini

Mettere in acqua i ceci e tenerli tutta la notte.

Il giorno dopo farli cuocere (senza sale)in un tegame con l’ olio ed acqua per circa un’ora e mezza.

Fate cuocere nel forno a 150° per un ora, i pomodorini con un pò di olio e zucchero

Fate appassire, in una padella antiaderente, la cipolla, con un cucchiaio di olio .Aggiungete  i ceci, a seguire i pomodorini, la rucola e se volete un pizzico di peperoncino.Buon appetito

p.s. Aggiungete sempre un pò di olio crudo

La Puglia è anche molto famosa per i suoi taralli, ed ad Acquaviva c’è una piccola azienda artigianale, Genghi’s, che produce taralli dolci e salati di altissima qualità , realizzati personalmente dalla sua titolare, Roberta, la quale mostra di avere , non solo un grande amore per il lavoro che svolge , ma un grande rispetto per il consumatore,  indicando  sull’etichetta di ogni suo prodotto , la provenienza di ogni singolo ingrediente  usato. Accurata ed attenta ricerca delle materie prime, usando solo olio evo e farine senza additivi chimici. Diverse sono le varietà di tarallo prodotte: quelle al cece nero, alla cipolla di Acquaviva, al finocchietto selvatico, per non parlare di quelli alla birra davvero  eccezionali o quelli al caffè da degustare appena svegli al mattino con una buona tazzina di caffè

 

Tarallificio Artigianale Genghi’s Apulians do it better

Email apuliansdoitbetter@gmail.com

Indirizzo S.P. Acquaviva delle Fonti – Cassano delle Murge Km 1,5, s.n., Acquaviva delle Fonti (BA), cap 70021, Italia.

ferrulli

 

 

5 Comments Add yours

  1. rosa maria rella ha detto:

    belllissimo reportage! Da acquavivese ringrazio vivamente per il gentile omaggio al mio paese!

    1. Esa De Trizio ha detto:

      grazie. E’ stato davvero un piacere.Bella terra , splendide persone

  2. Madeline ha detto:

    Your site has excellent web content. I bookmarked the website

  3. Tommy ha detto:

    Hi there! Such a wonderful write-up, thanks!

  4. Layla ha detto:

    Your website has excellent web content. I bookmarked the website

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *